NAPOLI 1 LAZIO 0, FINALMENTE UNA PARTITA TUTTA GRINTA E COL TIFO. INSIGNE TRASCINA IL NAPOLI IN SEMIFINALE

Sento dire dai commentatori televisivi e giornalisti della carta stampata, Lazio sfortunata, Napoli fortunato: ben venga un po' di fortuna, dopo tanta sfortuna e scarso impegni dei giocatori, perché il Napoli ha vinto con merito colpendo due traverse e un palo basso con Milik. E allora? La Lazio è uscita fuori dalla Coppa Italia perché un Napoli incerottato, che già l’aveva dominata in campionato perdendo solo per una cavolata di Ospina, che regalò la vittoria alla Lazio, ha segnato con Insigne e saputo difendere anche con un po' di fortuna, dopo tanta sfortuna.

Che colpa ne abbiamo noi se Immobile è scivolato? Questa è la vendetta del San Paolo contro Immobile che ci aveva uccellato nell’ultima gara di campionato. La Lazio ha dato tutto? Beh, noi non siamo stati da meno. Due reti annullate alla Lazio per fuorigioco…ci sta. Una traversa che ha impedito il gol…ci sta. E perché, dopo aver segnato con Insigne, non abbiamo sfiorato il raddoppio 3 volte? Due traverse e un palo basso. A quanto pare la sfortuna ha colpito anche noi.

Era la gara della vita o della morte per il Napoli. E finalmente è arrivata la gara giocata con grinta, velocità e volontà, cosa che era mancata nelle ultime 10 partite.

Finalmente una gara giocata col tifo delle curve, e qui viene la domanda: ma se i tifosi ci avessero sostenuto sempre, avremmo giocato meglio le ultime 10 partite? E’ anche colpa dei tifosi se abbiamo perso punti? Quindi, non solo alcuni giornalisti, opinionisti e tv private napoletane, ma anche il mancato tifo ha contribuito alle sconfitte. Senza contare che, dalla ribellione dei giocatori che non vollero andare in ritiro, si era rotto qualcosa nella testa dei giocatori che non stavano rendendo come potevano. A dirigere il match è stato chiamato l’arbitro Massa della sezione di Imperia.

Ma veniamo alla partita: dopo soli 2’ Zielinski lancia lo scatto di Insigne, il capitano entra in area, dribbla Luis Felipe e con un tiro a giro, con la palla che passa sotto le gambe del portiere, entra in rete. 1-0 ed è festa grande al San Paolo, e finalmente si è sentito il tifo, quello vero, dei tifosi che hanno dato una mano a far vincere questo Napoli.

Ma, dall’euforia si passa allo sconforto e paura: Hysaj all’8’ atterra Canceido, Massa fischia il rigore: Tornano le paure, torna la sfiga. Ciro Immobile si porta sul dischetto. Migliaia di tifosi pregano perché Immobile sbagli. E le preghiere danno i loro frutti: Immobile al momento del tiro scivola sul dischetto e il tiro va fuori e alto e lato. San Gennaro ha fatto la Grazia! Sospiro di sollievo. Si sentiva un aaaaahhhhhhh meno male! Dopo il sospiro di sollievo torna la sfiga: Fa tutto Hysaj, al 19’ commette un fallo, stavolta su Immobile, Massa gli dà il secondo giallo e, quindi, il rosso, espulsione. Il Napoli si ritrova in 10, ancora scoramento tra i tifosi. Allora Gattuso fa uscire Lobotka e fa entrare Luperto. Ma l’inferiorità numerica dura poco, infatti, al 25’ Lucas Leiva fa fallo  su Zielinsky proiettato a rete, Massa allora lo ammonisce ma il laziale lo manda a quel paese con espressione più volgare, e Massa lo espelle: Ripristinata la parità: San Gennaro protegge il Napoli.

La Lazio reagisce, ma il Napoli si difende bene e scatta in contropiede appena se ne verificano le condizioni. Ma non succede più nulla fino alla fine del primo tempo  col Napoli in vantaggio per 1-0.

Secondo tempo: ci si aspetta una reazione veemente della Lazio, che avviene solo al 52’ con una bella azione corale che porta al tiro il solito Immobile, ma il destro dell’attaccante viene parato da Ospina senza problemi. 

Al 64' Lazio in rete con una gran conclusione di Immobile, Ospina non perfetto nell'occasione, ma Massa annulla giustamente per fuorigioco dell'attaccante campano.  

Al 68' Cambio nel Napoli con Elmas che prende il posto di Callejon.

Al 71' Napoli ad un passo dal raddoppio con Milik che, sugli sviluppi di un cross da destra di Demme, stacca di testa trovando la base del palo. Si salva di un pelo la Lazio.

La Lazio spinge, ma il Napoli si difende bene.

All’85' la Lazio ad un passo dal pareggio con il solito Immobile che, su sponda di Milinkovic, calcia col destro da ottima posizione centrando la traversa. Ma un minuto dopo è Mario Rui colpire il palo alla sinistra di Strakosha.

All’89' la Lazio ad un passo dal pareggio con Lazzari che, sugli sviluppi di un corner, calcia col destro trovando l'ennesimo palo dopo una deviazione di un difensore del Napoli. Sulla respinta Acerbi mette in rete ma la rete viene annullata da Massa per fuorigioco dello stesso Acerbi.

Finisce la partita con 5’ di recupero. Il Napoli va in semifinale dove incontrerà la vincente di Fiorentina-Inter. In entrambi casi, o vinca la Fiorentina, o vinca l’Inter per il Napoli saranno stimoli giusti per tentare di andare in finale.

Finalmente, quindi, una partita giocata come si deve, con grinta e velocità e pressing. Col rientro di Koulibaly e Mertens (pare sia convinto a rinnovare col Napoli) ne vedremo delle belle. 

IL TABELLINO

NAPOLI-LAZIO 1-0

Marcatori: 2′ Insigne (N)

NAPOLI (4-3-3): Ospina; Hysaj, Manolas, Di Lorenzo, Mario Rui; Lobotka (22′ Luperto), Demme, Zielinski; Callejon (67′ Lozano), Milik, Insigne (77′ Ruiz). 

A DISPOSIZIONE: Meret, Karnezis, Tonelli, Elmas, Leandrinho, Llorente. 

ALLENATORE: Gennaro Ivan Gattuso

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu (69′ Patric); Lazzari, Parolo, Leiva, Milinkovic, Lulic (76′ Jony); Immobile, Caicedo (54′ Correa). 

A DISPOSIZIONE: Proto, Guerrieri, Bastos, Vavro, D. Anderson, Minala, Berisha, A. Anderson, Adekanye. 

ALLENATORE: Simone Inzaghi.

ARBITRO: Massa (sez. di Imperia)

ASSISTENTI: Mondin – Di Iorio

IV uomo: Manganiello

V.A.R.: Nasca

A.V.A.R.: Costanzo

NOTE. Ammoniti: 9′ Hysaj (N), 15′ Acerbi (L), 24′ Leiva (L)

ESPULSI: 19′ Hysaj (N) per doppia ammonizione, 24′ Leiva (L).

RECUPERI: 3′ pt; 5′ st.

BATTUTO BENEVENTO; BELLIZZI APPRODA ALLE FINAL FOUR DI COPPA CAMPANIA. CAMPIONATO: DOMENICA C'E' LA SFIDA SUL PARQUET DEL BASKET VENAFRO

TERZIGNO (NA), 29 GENNAIO 2020: IL "LARARIO" CON I SUOI AFFRESCHI RIENTRA IN ESPOSIZIONE AL "MATT"

Dopo il prestito sarà ricollocato nella Mostra Archeologica in una Sala dedicata, in attesa di un altro viaggio per una nuova esposizione nel Mondo....

ULTIMA D'ANDATA: BELLIZZI FA VISITA AD ARZANO. IL DG SIANO: "IL BILANCIO, FINORA E' ASSOLUTAMENTE POSITIVO"

SANITÀ. A CESARO (FI): AUDIZIONE SU CONCORSO CASERTA È CAMPAGNA ELETTORALE

NUOVA ECCEZIONALE SCOPERTA AD ERCOLANO: RINVENUTI I RESTI DI CERVELLO DI UNA VITTIMA DELL'ERUZIONE DEL 79 D.C.

SALERNO, LA POLIZIA CONTINUA I CONTROLLI ALLE ATTIVITA' ILLECITE. EMESSI DAL QUESTORE TRE DIVIETI DI RITORNO E SEI AVVISI ORALI

REGIONALI, PENTANGELO (FI): A SINISTRA SIAMO AI SALDI DI FINE STAGIONE

Mezzostampa WebTv

+ Slide
- Slide
  • MEZZOSTAMPA E AGRO24: CASA BORRELLI, CHE FINE FARANNO GLI ANZIANI ?

  • Mezzostampa Interviste- Francesco Monte a Scafati

  • Mezzostampa Interviste- Corsi a Scafati

  • IL LIBRO: 28 GIORNI - STORIE DI MADRI di Francesca Cutino

  • Donne nel Sarno. Recupero della Panda Gialla

  • MARCIA PER IL MAURO SCARLATO - 12 GIUGNO 2012

  • notte bianca a scafati.MP4