NAPOLI – MILAN 4-2, 2 RETI DI MILIK E QUASI DUE DI CALLEJON. MERTENS MIGLIORE IN CAMPO

Prima vittoria del Napoli in una partita con molti ammoniti e due espulsioni milaniste

Mentre a Napoli circola voce (falsa) di Cavani all’Hotel Vesuvio, il Napoli si riprende ciò che l’arbitro di linea di Pescara-Napoli, gli tolse, non assegnandogli un rigore sacrosanto che gli avrebbe dato i tre punti. Una vittoria ottenuta con qualche patema d’animo, dopo un primo tempo in cui, oltre alle due reti segnate da Milik, si avevano occasioni d’oro che solo un super Donnarumma era riuscito a sventare. Ma il Milan, ben impostato da un bravo allenatore quale è Montella, riusciva a rimontare le reti del primo tempo con Niang e Suso, grazie anche a qualche disattenzione della difesa (vero Koulibaly?) e anche qualche disattenzione dell’arbitro.

Un pareggio che sembrava ponesse fine alla tenzone, ma il Napoli non ci stava, e con un bravissimo Callejon, che riprendeva un tiro del solito Mertens, preferito ad un abulico Insigne, metteva in rete da pochi passi. Quello che è successo dopo il 3-2 è dovuto solo all’inesperienza di alcuni giocatori milanisti che si innervosivano (Nyang e kucka) e si facevano espellere, dimostrando di non essere ancora maturi per impegni così difficili.

Era una partita che il Napoli non poteva e non doveva perdere o pareggiare, perché la Juve aveva ottenuto la sua seconda vittoria senza che Higuaìn segnasse.

Ritornava Jorginho in mezzo al campo dopo la squalifica e cambiava la coppia di attaccanti con Mertens e Milik al posto dei deludenti Insigne e Gabbiadini, in panchina.

La squadra allenata da Montella cercava invece conferme dopo la vittoria con il Torino, e dobbiamo dire che è una bella squadra, dove si intravede la mano del suo allenatore. Deve ancora crescere in esperienza, ma dategli tempo e vedrete una squadra in grado di competere con le migliori. Il tridente d’attacco Suso-Bacca-Niang è in grado di impensierire qualsiasi difesa.

L’incasso della partita sarà devoluto alle vittime del terremoto. Prima dell’inizio della partita è stato osservato un minuto di silenzio.

Entrambe le squadre adoperano il 4-3-3. Parte forte il Milan che impensierisce la difesa napoletana e poteva portarsi in vantaggio se Abate, trovatodi in posizione favorevole, non avesse sparato il tiro alle stelle. Passato il pericolo, il Napoli comincia a macinare gioco, anche se mostra di essere ancora imballato e non ancora in grado di sviluppare il suo gioco. Al 18’ Mertens esegue il suo pezzo preferito, il tiro a giro, che colpisce il palo, con un Donnarumma che nonostante la sua mole non sarebbe riuscito a raggiungerlo. Nella ribattuta il pallone finiva sui piedi di Milik che con un tap-in poco ortodosso, metteva in rete battendo Donnarumma:1-0.

Da questo momento c’era solo una squadra in campo: il Napoli. Ancora Mertens sfida Donnarumma, che al 27’ e al 32’ sventa due tiri di Mertens. Un Mertens che voleva dimostrare che la panchina non è cosa sua. Dopo che Donnarumma aveva sventato il suo tiro a giro, sul corner seguente il Napoli segnava con Milik, che si travestiva da Higuìn e metteva in rete di testa: 2-0.

Nel secondo tempo il Napoli calava vistosamente, sia fisicamente che come concentrazione, forse credeva di avere già vinto, ma la squadra di Montella approfittava di questo calo, anche di disattenzione di Koulibaly e un fallo non visto dall’arbitro, e segnava al 4’ con Niang con un Reina colpevole. Sarri veniva espulso per perché protestava con l’arbitro per un fallo su Jorginho non visto, che poi aveva fatto scaturire la rete di Niang:2-1.

Al 10' bella rete di Suso, un giocatore alla Callejon, bravissimo, che con un sinistro sotto l'incrocio dei pali zittiva il San Paolo:2-2.

Il Napoli non ci stava e riprendeva a macinare gioco. E’ ancora il belga Mertens, una vera spina nel fianco dei milanisti, che eseguiva il suo pezzo di repertorio, ma il tiro a giro veniva sventato da Donnarumma, che nulla poteva sulla ribattuta in rete di Callejon: 3-2.

I calciatori milanisti cominciavano ad innervosirsi e a Kucka saltano i nervi. Fallo su Mertens con ammonizione, poi per aver mandato a quel paese l’arbitro Valeri, viene espulso. Nel finale anche Niang si fa espellere per doppia ammonizione. Il Milan è in nove.  Nel recupero, finalmente un’azione di Insigne che crossa al centro dove Romagnoli per precedere Callejon tocca la palla che sta per entrare in rete, ma lo stesso Romagnoli la ricaccia via con una parata degna del miglior Donnarumma, ma lo spagnolo Callejon metteva in rete, evitando che l’arbitro assegnasse il rigore al Napoli: 4-2.

Notizia dell’ultima ora: pare che la lega consideri la seconda rete di Callejon autorete di Romagnoli.

Una vittoria giunta con qualche patema d’animo che si poteva evitare, ma per fortuna è finita bene. Unica nota stonata, i soliti tifosi della curva che protestavano contro De Laurentis per i prezzi alti delle curve.

Notizie di mercato: Il Napoli definiva l’acquisto di Diawara e Rog, mentre per Maksimovic c’è ancora ostruzionismo di Cairo, che non si sa per quale motivo, non vuole cedere il calciatore al Napoli, per una cifra molto alta, 30 milioni di euro, mentre ha letteralmente regalato il suo miglior giocatore alla Roma, Perez.

LE FORMAZIONI

NAPOLI (4-3-3): Reina 5; Hysaj 5, Albiol 6 (44' st Chiriches sv), Koulibaly 6,5, Ghoulam 6; Allan 6 (28' st Zielinski 6,5), Jorginho 6, Hamsik 6; Callejon 7,5, Milik 7,5, Mertens 8,5 (33' st L. Insigne 5).

A DISPOSIZIONE: Rafael, Sepe, Maggio, Strinic, Laciski, Valdifiori, Grassi, R. Insigne, Gabbiadini.

ALLENATORE: Sarri 7

MILAN (4-3-3): Donnarumma 8; Abate 5 (35' st Calabria 6), Gomez 5, Romagnoli 6, De Sciglio 6; Kucka 4, Montolivo 5,5, Bonaventura 6; Suso 7 (41' st Lapadula sv ), Bacca 4 (35' st Sosa sv), Niang 6,5.

A DISPOSIZIONE: Gabriel, Diego Lopez, Ely, Antonelli, Vangioni, Locatelli, Jose Mauri, Honda, Luiz Adriano. ALLENATORE: Montella 7

Arbitro: Valeri

MARCATORI: 18' e 33' Milik (N), 6' st Niang (M), 10' st Suso (M), 29' e 49' st Callejon (N)

AMMONITI: Niang, Gomez, Suso, Kucka (M), Koulibaly, Hysaj, Jorginho, Albiol, Zielinski (N)

ESPULSI: Al 30' st Kucka per insulti all'arbitro e al 43' st Niang per doppia ammonizione

NOTE: Al 7' st Sarri espulso per proteste

TERREMOTO ITALIA CENTRALE: NUMERO DI VITTIME A TUTTO IL 28 AGOSTO

Le forze in campo e i soldi raccolti con gli sms solidali

TERREMOTO: FORESTALE E LAV INSIEME PER SOCCORRERE ANCHE GLI ANIMALI

Da oggi, grazie ad un accordo fra i due Enti, una task force opererà per aiutare anche il grande numero di animali in difficoltà nelle zone terremotat...

TERREMOTO: FORESTALE, RIPRISTINATA L’ATTIVITA’ NEL REATINO E MARCHE GRAZIE ALLE BASI MOBILI

Nonostante il sisma abbia bloccato di fatto il funzionamento della gran parte degli Uffici pubblici, nelle città di Amatrice, Arquata del Tronto e Mon...

NAPOLI, NOTIZIE DI CRONACA NERA DA PARTE DEI CARABINIERI

SCAFATI, AL VIA LA RASSEGNA "LIBRI ALL'APERTO"

Primo incontro al Foyer900 il I settembre 2016, ore 20

LA GIVOVA SCAFATI BASKET FA SUO LO SCRIMMAGE CONTRO BASKET SCAURI

RIVOLUZIONE CRISTIANA, ROTONDI: "BENE BRUNETTA, MA SERVE UNA NUOVA DC"

Mezzostampa WebTv

+ Slide
- Slide
  • IL LIBRO: 28 GIORNI - STORIE DI MADRI di Francesca Cutino

  • DIARIO DI UNA FOOD WRITER...a cura di Francesca Cutino

  • Donne nel Sarno. Recupero della Panda Gialla

  • Calendario Mezzostampa 2013

  • 'Reality' di Garrone - I protagonisti al Modernissimo

  • MARCIA PER IL MAURO SCARLATO - 12 GIUGNO 2012

  • notte bianca a scafati.MP4

  • Con Mezzostampa ed Enrico Oro alla Notte Bianca di Scafati tutto può accadere....avi