STRIANO (NA), RIAPERTURA SPORTELLI DI COUNSELING

letto 214 volte
48b93097-f078-40b4-bc67-62ffa2c5b672.jpg

L’Associazione “La Grotta di Guizzo Azzurro” continua la sua missione di prevenzione del disagio in collaborazione con le scuole di Striano e Terzigno guidate dal Preside Dott. Rosario Cozzolino per l’ ISIS Striano - Terzigno e dalla Dott.ssa Rosa Rosanna per l’ IC Giusti. Riaprono gli sportelli d’ascolto: all’ ISIS di Striano dal 27 gennaio 2020, dalle ore 09:00 alle ore 12:30, seguirà fino a giugno, sempre allo stesso orario, per due volte al mese. Sarà coordinato dalla Dott.ssa Valeria Cioffi Psicologa Psicoterapeuta – Dottore di Ricerca. Si alterneranno allo sportello la Dott.ssa De Rosa Beatrice Psicologa Psicoterapeuta e la Dott.ssa Scarpa Mariaelena Psicologa Psicoterapeuta.

Lo sportello d’ascolto sarà attivo presso la scuola secondaria di primo grado “Giusti” di Terzigno tutti i GIOVEDÌ MATTINA, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, a partire dal giorno 23/01/2020 e resterà aperto sino al 28/05/2020; mentre presso la scuola primaria e dell’infanzia ci sarà tutti i LUNEDÌ MATTINA, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, a partire dal giorno 20/01/2020 e sino al 25/05/2020. Sempre coordinati dalla Dottr.ssa Cioffi, il primo sarà curato dalla Dott.ssa Maria Guastaferro, il secondo dalla Dott.ssa Rosanna Calabrese, entrambe psicologhe. Proposti gratuitamente dall’Associazione “La Grotta di Guizzo Azzurro” nell'ambito del suo progetto generale "Prevenire per non dover curare", trattasi di un percorso di prevenzione del disagio scolastico e di supporto orientativo per gli studenti, le famiglie, gli insegnanti e le altre figure professionali impegnate in campo pedagogico ed educativo.

La scuola è per gli studenti il luogo principale in cui si sviluppano occasioni di crescita individuale e si promuovono relazioni interpersonali. Essa come Istituzione nasce e si caratterizza per il raggiungimento di obiettivi formativi centrati sull’alunno, inteso come soggetto attivo della sua educazione. L’obiettivo del counseling scolastico è migliorare la qualità della vita scolastica di insegnanti e alunni e della relazione con i genitori, nell’ottica di un’alleanza educativa. Il counseling è, prima di tutto, un luogo d’incontro dedicato all’ascolto dell’altro senza giudizio, è un’attività basata sulla relazione tra due o più persone, il suo scopo è di offrire accoglienza e comprensione a chi sta vivendo una situazione di momentaneo disagio e sente il bisogno di essere rassicurato e acquistare nuova fiducia nelle proprie capacità. È una possibilità per comprendere le situazioni che procurano uno stato di mal-essere e trovare le proprie soluzioni, risvegliando le qualità personali. In tal senso, il counseling non consiste nel proporre soluzioni ma nell’accompagnare la persona a prendere decisioni responsabili per attuare un processo di adattamento, con modalità creative.

D’altra parte l’Associazione è nata proprio per diffondere ed attuare questo tipo di prevenzione del disagio, esigenza nata attraverso l’esperienza scolastica della sua Presidente, Pina Casillo, che da oltre 40 anni cerca di sensibilizzare le Istituzioni competenti ad introdurre nella scuola la figura dello psicologo al fine di creare una rete educativa tra Famiglia ,Scuola e Istituzioni indispensabile per favorire una sana crescita psicofisica dell’ essere umano a partire dalle prime fasi dell’ età evolutiva e premessa per la costruzione di società sane e pacifiche.

Già dall’anno scorso proponiamo a completamento dello sportello un’esperienza di Mindfulness, nella quale l’adolescente ( ma i percorsi sono anche per i genitori e i docenti) può imparare ad ascoltare se stesso, dando senso e significato ai cambiamenti fisici e psicologici che si trova ad affrontare. Negli incontri, si praticherà la Mindfulness associata ad altre tecniche psico-corporee, quali training autogeno, fantasie guidate, esercizi di respirazione, grazie alle quali gli alunni avranno la possibilità di acquisire una maggiore consapevolezza di sè e raggiungere il miglioramento dell’autocontrollo, dell’attenzione, della capacità d’ attenzione focalizzata al miglioramento della memoria di lavoro e la capacità di sviluppare comprensione verso le proprie difficoltà, di ridurre lo stress e l’ansia da prestazione e riduzione dell’aggressività e degli atti di bullismo. Lo psicologo, dunque, mirerà ad aiutare chiunque si rivolgerà allo sportello a tirar fuori il meglio di sé per affrontare le comuni difficoltà della vita con maggiore forza e determinazione. La presenza dello psicologo in ogni istituzione scolastica è da sempre attesa e, forse, mai come in questo periodo storico se ne avverte fortemente la necessità. Il nostro intervento mira anche a sensibilizzare le istituzioni affinché il sogno di sempre diventi realtà.