SCAFATI, MONICA PAOLINO: PIANO DI ZONA IN ALTO MARE: I BISOGNI DELLA GENTE VENGONO PRIMA DELLE DIATRIBE INTERNE

Monica Paolino, Consigliere Regionale di Forza Italia
letto 323 volte
monica-paolino3.jpg

Il Comune di Scafati ha perso sette mesi di tempo senza arrivare alla costituzione dell’azienda speciale del Piano di Zona ambito S1. Senza questa struttura non sarà possibile procedere con le assunzioni degli operatori di settore e non sarà possibile svincolare i comuni dal patto di stabilità. Senza una struttura che sia in grado di coordinare le attività e di erogare i servizi secondo le linee guida dettate dalla Regione Campania, tante famiglie non potranno beneficiare di tutti quei servizi che in questi anni hanno portato la città di Scafati a livelli alti nel sociale (CAG, assistenza agli anziani, centri per minori, borse lavoro, etc...).

E’ innegabile ed evidente la fase di stallo in cui il Comune di Scafati si trova. L’aspetto più triste di questa situazione è che se oggi non esiste ancora una modalità di gestione del Piano di Zona è perchè i bisogni dei cittadini stanno passando in secondo piano rispetto all’arroganza e alle logiche legate all’occupazione di poltrone.

Non si vuole capire che esiste una grande fetta della cittadinanza che ha bisogno di un aiuto, di sostegno. E’ per loro che bisogna decidere in fretta, è per loro che bisogna scongelare i fondi regionali, è per loro che bisogna mettere in campo un grande senso di responsabilità.

#fatepresto