CORONAVIRUS, DI SCALA (FI): CHIUSURA POSTAZIONI 118 A NAPOLI E’ FATTO GRAVE, CHI DI DOVERE SPIEGHI

letto 116 volte
31-foto-maria-grazia-di-scala-fi-586-.jpg

Niente dispositivi di protezione, chiudono temporaneamente ben sette postazioni del 118 a Napoli”. Lo afferma la consigliera regionale campana di Forza Italia, presidente della Commissione Sburocratizzazione del Consiglio regionale della Campania  Maria Grazia Di Scala in merito alla disposizione del direttore della Centrale Operativa Territoriale 118 di Napoli Giuseppe Galano con la quale, rinviando ad una contrazione delle forniture dei dispositivi di protezione sanitaria da parte dell’Asl Napoli 1, ha disposto, la scorsa notte, sospensione delle attività delle postazioni 118 del San Gennaro, del Loreto Crispi, del Chiatamone, del San Paolo, di Miano, degli Incurabili e di Municipio.

Quanto accaduto, peraltro consumatosi nella più assoluta mancanza di trasparenza, - aggiunge Di Scala – è un fatto gravissimo: nella sostanza, per tantissimi napoletani è stato vietato ammalarsi, salvo incrociare le dita sperando che arrivasse per tempo un ambulanza libera di qualche postazione adeguatamente attrezzata dei necessari dispositivi di protezione”. “De Luca intervenga, spieghi le ragioni della mancata fornitura, si assuma le dovute responsabilità e le faccia assumere a chi di dovere”, conclude Di Scala.